HOME PAGE SECONDA PAGINA LINKS

 

Se non cachi …. cacherai, se non piscii…morirai! Diceva quel tale di cui non si ricorda mai il nome.

 

Mi sono fatto una mattinata da: merda, Luan e caffelatte!

 Che sarebbe?

 Sarebbe che sta mattina  mentre ero in fase di  evacuazione, un altro si faceva cateterismo e c’era chi riusciva a fare pure colazione! Merda, Luan e caffelatte, per l’appunto.

 Ah, che Buongiorno!!

 A me invece capita, qualche volta, di farmela addosso dopo aver fatto l'evacuazione.

Effetto ritardato.

Il bello, è che me ne accorgo o da quello che mi succede intorno "gente che mi saluta in fretta o mi gira alla larga" o dal tipico odore "di merda" che proviene dalla mia carrozzina. In tutti e due i casi comunque sarebbe troppo tardi per qualsiasi azione di tamponamento.

 Io invece me n'accorgo, quando sono 5 o dieci centimetri più alto del solito, prendendo come riferimento la mia posizione di seduta in carrozzina.

 Ha parlato mangia saponette! Lui se ne accorge solo se la merda gli fa il montarozzo, non per la puzza che scatena.

 Comunque a proposito di evacuazione ragazzi, c'è in me qualcosa che non va, ultimamente quando mi metto la supposta invece che fare le corregge mi viene da ruttare, sarà meglio che da domani le supposte le prendo per bocca.

 Capirai! Quelle sono supposte che farebbero cacare pure un elefante.

Pensare che te le dovrai infilare, o fartele infilare su, fino al fine dei tuoi giorni.

 Finché si tratta di quello può anche andar bene, ma quando ti devono fare l'esplorazione e hai ancora un po' di sensibilità, ti lascio immaginare.

 Questo non è niente! E cateterismi dove li metti? Pensa, dover spalmare quel Luan sul catetere lungo più di 40 centimetri, infilarlo giù per quel povero pisello fino a raggiungere la vescica e svuotare; per tre o quattro volte al giorno.

 Ehi, non mi ci far pensare!  Ho fatto un calcolo che in un anno, fra infila e sfila, per il mio pisello passa quasi mezzo chilometro di tubino in plastica.

 Ed io, che lo tengo incappucciato tutto il giorno cosa dovrei dire! Che quando lo libero dal giogo di plastica mi sembra un pezzo di ciccia cotta a vapore, si pela tutto. Per non parlare del sacchetto che ti devi sempre portare appresso, che qualche volta da quanto è pieno struscia per terra. E chi esce più di casa!

 Vi ricordate voi di quelle pisciate di gruppo, in quelle cene primaverili all'aperto dopo aver bevuto un buon bicchiere di vino (anche due o tre) ci mettevamo tutti in fila (a chi gli scappava è ovvio) a benedire le piante o quant'altro era lì vicino e non mancava certo la frase "non c'è pisciatina se non l'accompagni in sordina".

 Ma guarda che le pisciate in compagnia le facciamo anche adesso! Svuotamento ad orario! Tutti vicini al posto letto con le brache calate, con il pisello "a riposo o sull'attenti" pronto ad essere infilzato come uno spiedo.

Mentre prima, anche se celata, c'era una gara a chi faceva la cascata più fragorosa, ora vedi quell'urina defluire nel sacchetto silenziosa, insignificante, solo un peso fastidioso che viene scaricato di tanto in tanto .

 Ehi, e vuoi mettere la sgrullata, che qualcuno rischiava di venire, a forza di smanettarlo!

Adesso lo scuoti, ma lui non sa perché.

 Vivo, morto o X