HOME PAGE SECONDA PAGINA LINKS

 

Vorrei spezzare una lancia a favore di tutte quelle persone che sono coinvolte direttamente o indirettamente con situazioni in cui c'è una persona in carrozzina. Perchè cercano quotidianamente con il loro comportamento e modo di pensare, di incoraggiarlo a trovare anche nella disabilità la voglia di vivere, e che lo fanno tra molte difficoltà, a volte sacrificandosi più del dovuto.

 

: ai genitori che si ritrovano con il proprio figlio/a ritornato all'improvviso bambino così da custodirlo, coccolarlo e sgridarlo. Quasi come un inspiegabile ed inaspettato piacere pervade le mamme mentre lo fanno, mentre a te prende, dopo un po', una comprensibile voglia di strozzarla, quando tenta per l'ennesima volta di aggiustarti... perché fuori fa freddo e ti puoi prendere un raffreddore. Mentre i papà (babbo, a seconda della regione) cercano di mantenere una certa distanza per certe cose, ma non possono fare a meno di darti i loro consigli pratici: "Dovresti fare così...; no non uscire sei stanco; se la spinge in questo modo non è meglio...?; stai più diritto..., e la barba...?" Quei padri poi, che se hanno l'attitudine o si intendono di meccanica, si divertono molto a smontare la carrozzina o pensano a qualche modifica che a loro sembra geniale. Mentre a te non interessa, basta che non si rompa, anzi ti preoccupi se dopo che c'abbia messo le mani, funziona ancora!

 

: ai compagni/e di vita (mogli, mariti, fidanzati, fidanzate ecc.) che si ritrovano a dividerti (in fin dei conti alla fine passi più tempo con la carrozzina che con loro) con un quadricicolo, anche se ultimamente più leggera e di fattura più pregiata e moderna. Alcuni, ma soprattutto alcune, sfruttano questa accoppiata molto bene specialmente quando si trovano al supermercato e non hanno preso il carrello (entriamo giusto per prendere due cose) e poi il malcapitato si trova a dover portare letteralmente addosso una montagna di pacchi e pacchetti di vario genere. Per non parlare di fare l'amore, quando il solito mal di testa viene sostituito dalla scusa che è diventato troppo faticoso, dato che deve fare  (in alcuni casi) quasi tutto da sola. Oppure a forza di vederti tutti i giorni si esauriscono, si stressano, vanno in paranoia, ti senti dire:" ma sei sempre tra i piedi!" "non ne posso più, sempre le stesse cose!"
Cazzo ed io cosa dovrei dire?

Comunque alla fine si fanno una ragione e chi non ci riesce, dopo un periodo di riflessione interna... (non posso mica passare il resto della mia vita a fare la badante) e consultazione esterna... (non puoi mica legarti per tutta la vita a un invalido/a) chiede la separazione, rompe il fidanzamento o semplicemente non si fa più vedere.

(dai Rokes: C'è una strana espressione nei tuoi occhi
vogliono dirmi che non mi ami più
vogliono dirmi che non mi vuoi più bene
mi fanno già capir che io ti perderò)

Ma vaffa...!!

 

: ai figli, che grazie all'incoscienza della loro età (quelli giovani) o proprio alla loro incoscienza (quelli grandi), dopo un primo momento d’indecisione per studiare il nuovo approccio con il genitore, tornano ad essere come prima, anzi si permettono comportamenti e battute ardite, visto e considerato che poi ora la tua altezza e mobilità non ti aiuta più come freno inibitore. Se all'inizio erano disponibili ed addirittura anticipavano i tuoi piaceri/ bisogni, dopo un po' di tempo ti ritrovi con i figli "sordi". Mentre i più piccoli, dopo aver fatto un paio di giri intorno a te, vedono che anche in carrozzina sei sempre lo stesso. Anzi è proprio la carrozzina che li incuriosisce e li spinge a creare nuovi giochi, che tu in un primo momento assecondi con piacere, poi dopo un po' ti incazzi, quando per l’ennesima volta ti spingono contro qualcosa. Ma Vaffa...!!

 

: agli amici, che con la loro ignoranza in materia (si che tu sapevi qualcosa di mielolesione?!) Ti propongono uscite in luoghi e momenti della giornata, che se provi ad accettare ti ritrovi a fare passaggi in macchina come un sacco di patate; locali, che per accedervi bisogna fare due rampe di scale e loro a dirti: "Non ci sono problemi ti portiamo noi! Ma che hai paura?" Oppure ti raccontano di come si sono rotti il piede giocando a calcetto e tutte le difficoltà e disagi dovute all'ingessatura.  Ma Vaffa...!!

 

: alle assistenti, badanti o come si chiamano. Che oltre a non capire bene la tua lingua, costringendoti a mimiche ripetitive ed talvolta imbarazzanti. Oltre a dover spiegare per l'ennesima volta che la tua non è pigrizia se non riesci a girare il tappo della bottiglia, o se non riesci a muovere le gambe, devi pure cercare di comprendere il loro disagio e le loro difficoltà di vita, quasi volessero essere compatite da te, che sei fortunato a vivere in un paese dove c’è tutto. Ma Vaffa...!!

 

: anche agli animali domestici, cani, gatti, criceti, tartarughe, pesci rossi, pitoni, tigri e per chi può permetterseli anche i coccodrilli. Ma più che altro il cane o il gatto, che prendono subito confidenza con la tua posizione. Si siedono all'inizio sopra le scarpe per poi salire sempre più su, fin sopra le spalle, sporcandoti e lasciandoti pieno di peli. Quando vogliono giocare o vogliono qualche biscottino sono sempre a rompere, ma se li chiami tu, nella maggior parte dei casi, (avranno anche un bel fiuto e vista...) diventano anche loro ciechi e sordi. Ma Vaffa...!!

 

infine a tutti gli/le altri/e che non ho menzionato, perchè in questo momento non mi vengono in mente cose particolari, ma sicuro che ce ne sono e che mi piacerebbe
"spezzargli una lancia in ..." 

 

A parte tutti i vaff... e checchè se ne dica, è grazie a tutti questi personaggi se andiamo avanti (con i bruciori di pancia... eh eh eh!) e pertanto mi sento di dire, a costoro, un sincero:" GRAZIE!"