HOME PAGE SECONDA PAGINA LINKS

 

Ma guarda quello!... Guida come un andicappato.

Sai sono andato a Roma con la mia macchina,ho fatto più di 500 chilometri tra andata e ritorno. C’ho messo un po’ anche perché in entrambe le volte mi sono fermato a sgranchirmi la schiena le braccia e il collo, non è stata una passeggiata, ma sono stato ripagato dalla soddisfazione di essere riuscito a fare un viaggio così lungo. Pensa ho raggiunto addirittura la velocità di 120 km orari in autostrada. Di più no, anche perché a quel punto i miei passeggeri avevano smesso di parlare. Poi si sono rilassati vedendo che controllavo bene la situazione.
Ora che ho testato la mia capacità di guidatore nonché di quelle di resistenza, uno di questi giorni vieni a Venezia con me?

Così aveva esordito in una delle tante serate a casa sua, il mio amico. Da qualche anno era costretto su una sedia rotelle, causa un'incidente : lesione alta alla colonna vertebrale, che gli aveva paralizzato gran parte del corpo, compreso l'impossibilità di usare le mani. Quanto tempo fa con precisione non lo sò, ma sembra ieri quando sono andato per la prima volta a trovarlo all'ospedale, e sdraiato su un lettino con orgoglio e speranza mi mostrava muovendosi in modo scoordinato i suoi progressi
Era stata una sorpresa quando mi disse che voleva riprendere la patente di guida.

 Mi sono rotto di farmi portare in giro nelle macchine degli altri. Per carità sono tutti molto premurosi e disponibili,ma vuoi mettere la sensazione di libertà che può darti tornare a guidare, per andare in posti dove tu vuoi e quando vuoi? Oltre a sentirti ancora utile a qualcuno.

Così tra commissioni, concessionari, ditte installatrice di ausili per auto, motorizzazione e prova d'esame, passarono alcuni mesi. Anche perché lui, il mio amico, non voleva un'auto qualunque.

Quando mi hanno detto che c'era la possibilità di guidare restando seduto sulla mia carrozzina, sono rimasto entusiasta. Cavolo, vuoi mettere spostarsi con l'auto senza che ogni volta ci sia qualcuno che ti deve trasferire dalla carrozzina al posto di guida. Si evitando così tante spiacevoli complicazioni. Certo però, che ci vuole un'auto adeguata.

Ed ora eccolo lì, con il suo "macchinone".

Dai sali ci che ti faccio vedere come guido! Mano sinistra che si incastra in questo tripode attaccato al volante. Così, vedi? Mentre la destra si incastra in quest'altro, attaccato ad un'asta, che se la spingo frena, mentre se la tiro indietro accelera. La carrozzina è ben ancorata ed io sono stretto ad essa, sai le curve, con questa imbracatura da pilota di rally.
Cambio automatico, e via!

Guida bene, il mio amico, sa stare sulla strada, è sciolto, tranquillo e questa tranquillità riesce a trasmetterla a chi è con lui.

Non dici niente è? Vedi ho notato che guidare e come andare in bicicletta, quando hai imparato non ti dimentichi più. Certo non è stato subito così naturale e semplice come può sembrare ora. Figurati che la prima volta: salgo in macchina, mi sistemo con una buona dose di aiuto ai comandi, macchina in moto, marcia inserita, faccio circa dieci metri, retromarcia e stop. Decido che per il momento poteva bastare perché l'emozione era troppo forte.
Poi pian piano a forza di fare su e giù davanti casa, oggi posso dire con orgoglio di guidare come prima,benché qualche buon pensante possa storcere il naso. Ti dirò, ho anche meno distrazioni: non fumo mentre guido, niente cellulare, la stazione radio selezionata rimane quella, come il cd inserito al momento; questo è anche un fatto positivo perché riesco così ad ascoltare tutte le canzoni dell’album. Se ho un prurito mi fermo e mi prendo la soddisfazione, cerco di evitare discussioni con gli altri automobilisti, anche perché come fargli capire che se potessi scendere dall’auto come vorrebbero alcuni, la prima cosa che farei sarebbe quella di mettermi a ballare e non di saltargli addosso Una pecca nella mia guida, se proprio vogliamo trovarla, sta nel distrarmi quando vedo qualche bella ragazza , ma su questo, penso, che ci si possa anche passare sopra.
Nonostante questi “elementari accorgimenti” purtroppo è radicato nel pensiero comune degli automobilisti, e non,  che handicap sia sinonimo d’incapacità, usando spesso il termine a sproposito. Proprio l’altro giorno ero in macchina con mia figlia, ed ad un piccolo ingorgo, un automobilista rivolto ad un'altro, se ne esce con:” Ma guarda come guidi! Ma che sei handicappato?” Mia figlia mi guarda e con un sorriso coinvolgente mi dice:" Non te la prendere pà, tu guidi benisssssimo!"

Guida tranquillo, dicevo, anche se tutto d'un tratto ha uno scatto di testa, come un attaccante che cerca di colpire la palla ed infilarla là in alto nell'incrocio dei pali.

Tranquillo non sono preso da un attacco di qualche genere, ma semplicemente inserisco e disinserisco le frecce di segnalazione. I pulsanti sono stati messi nel poggia testa, come anche il clacson, mentre qui nel poggia braccio ci sono le luci, tergicristalli e così via. Devo ancora prenderci la mano, ma penso che in breve tempo, mi verrà naturale fare certe cose.

Così se qualche volta avrete l’occasione di incrociarlo mentre è alla guida e muove la testa, può essere che vi saluti, ma anche che sia in procinto di svoltare.