HOME PAGE SECONDA PAGINA LINKS

 

La separazione

C’eravamo incontrati qualche anno prima ed non era stato un incontro normale, perché io venivo da un periodo decisamente no. Ero, infatti, reduce da una brutta batosta e mi stavo riprendendo piano piano. Ci aveva presentati quella ruffiana di Aida, la mia fisioterapista, una mattina di fine settembre con il sole che entrava ancora spavaldo dalle finestre. Non fu un colpo di fulmine da parte mia, mentre lei pazientava attendendo una mia decisione che poi arrivò.

Nelle prime uscite assieme, non fui particolarmente loquace, anzi fui alquanto sulle mie, timoroso nel farmi vedere con lei. Così i nostri appuntamenti erano radi e sempre al chiuso  tra amici, anche perché diciamocela tutta: non era attraente, un po’ bruttina, ed in altre circostanze non l’avrei mai presa in considerazione. Comunque fu proprio con lei che iniziò questa mia nuova avventura; ci volle un po’, ma con il passare dei giorni il nostro affiatamento aumentò sempre più, fino al punto che trascorremmo insieme intere giornate. Eravamo diventati inseparabili, e la gente nel vederci ci salutava cordialmente, curiosa domandava del nostro rapporto così intimo, ma altresì cosi esposto agli occhi di tutti.

Che emozioni suscitavi in me nell'averti vicino, talvolta molto in contrasto tra di loro, ma pur sempre emozioni.
Non mi scorderò mai quella volta del nostro primo giro nell’auto nuova! Da allora sempre insieme nel percorrere chilometri, per brevi o lunghi viaggi. E come non ricordarmi le nostre passeggiate sul lungo mare, le corse sotto la pioggia ed i lunghi pomeriggi al sole primaverile a leggere o semplicemente assorti nei propri pensieri.

Mai avrei pensato di passare così tanto tempo con una compagna come te, e questo è stato soprattutto merito tuo che non mi hai fatto mai pesare la mia figura ingombrante, mentre tu rimanevi in disparte, senza troppe pretese.
Ti bastava sapere che non c’erano altre, che tu eri l’unica con cui uscivo e su cui io facevo affidamento.

Il nostro è stato un bel rapporto, ma gli anni trascorsi, ci hanno consumato sia dentro che fuori.
Soprattutto tu sei cambiata molto, ed è per questo che ora non mi basti più. E’ triste dirlo, ma è così, inutile negarlo.
Ho conosciuto un’altra, e così ti lascio, non perché è più giovane né perché ha qualcosa in più, ma perché è diversa e credo che questo possa darmi più soddisfazioni in futuro. Certo non sarà facile, ormai di te conoscevo tutto, sapevo come muovermi; di lei non so quasi nulla, ma so per certo che sarà altrettanto paziente e disponibile come sei stata tu.

Non so se potrai mai perdonarmi per questo, ma voglio che tu sappia che per me sei stata una compagna stupenda e che senza di te non sarei arrivato dove sono.

Grazie di cuore per tutto quello che hai fatto per me.




Addio…